Angelo Branduardi, non immaginereste mai cosa faceva prima: impossibile immaginarlo in quelle vesti

Cosa faceva Angelo Branduardi prima di diventare il personaggio famoso che è? Nessuno lo avrebbe immaginato!

Cantautore tra i più sofisticati del panorama della musica italiana, Angelo Branduardi con la sua arte affascina il pubblico a livello internazionale ormai dai diversi decenni della sua lunga carriera. Nella sua autobiografia definisce se stesso come ilcantore del mondo.

angelo branduardi cosa faceva
Angelo Branduardi e le varie fasi della sua vita – terzoanello.com

Si è sempre considerato un menestrello, con la sua capacità di fare una musica elegante e raffinata che si ispira a tempi remoti portando arte e bellezza alla fruizione di tutti. Il suo successo internazionale da sempre sfugge alle logiche di mercato spesso tanto ristrette. Si è affermato grazie al suo talento inconfondibile e indiscusso che lo rende unico e inimitabile.

Nella sua vita come nella sua carriera ha attraversato varie fasi: da una più popolare ad una più sofisticata e spirituale ed entrambe sono due facce della stessa persona che sa conquistare totalmente un pubblico che nel tempo si mantiene vasto. Ma c’è un aspetto di lui che quasi nessuno conosce. Lo ha rivelato lui stesso ed è qualcosa che non ci aspetterebbe tanto facilmente.

La vita di Branduardi prima del successo: il suo lato nascosto

A vederlo così, ormai anziano e con una brillante carriera improntata su una musica che è al tempo stesso d’elite ma coinvolge anche un pubblico che sa godere dell’arte pura, non si pensa quali possano esser stati i suoi inizi.

angelo branduardi cosa faceva
Angelo Branduardi e il suo passaggio ad una musica spirituale – terzoanello.com

La sua gavetta prima di arrivare ad affermarsi non è stata breve. Poi per circa vent’anni, ha affermato Branduardi, è stato una rockstar.Mi sono divertito, poi però è cambiato qualcosa“, rivela. Un giorno era andato a suonare alla Fête de l’Humanité a Parigi e si esibiva in un grande palco con un pubblico di più di 120 mila spettatori ed altri entrati di straforo. Ma ha provato una netta sensazione di disagio.

Ha deciso che doveva cambiare strada. Il suo percorso era la provenienza dalla musica classica e nonostante avesse raggiunto un successo internazionale che non è dato a tutti, ha compreso che quella non era la via che voleva percorrere. Così è iniziata una fase di ricerca interiore e artistica che è sfociata nei suoi capolavori più legati alla spiritualità. Dalla Fiera dell’est e Cogli la prima mela, tra le sue prima canzoni più celebri, la sua passione artistica è sfociata nel Cantico delle creature fino all’album Futuro Antico in cui presenta incursioni nella musica medievale e rinascimentale.

La musica è sempre stata il modo attraverso il quale si è approcciato anche con le difficoltà della vita come negli anni scorsi, quando ha sofferto di depressione nel periodo della pandemia di Covid.È qualcosa da cui sono entrato e uscito più volte, e andare in giro a suonare mi aiuta, mi fa stare bene“, ha dichiarato.

Impostazioni privacy