Busta paga: arrivano 5 nuovi bonus ai lavoratori, tutte le informazioni

Nuovi bonus in busta paga per sostenere i lavoratori economicamente con un 2024 che si apre in modo ottimale da questo fronte. 

I bonus sono legati alla busta paga quindi pensati per i lavoratori dipendenti che possono ottenere fino a 5 diversi benefici con un incremento anche sul profilo economico con una maggiorazione vera e propria ogni mese.

nuovi bonus in busta paga lavoratori
Quali bonus spettano in busta paga? Terzoanello.com

La novità riguarda la Legge di Bilancio 2024 che inizia quindi su questa scia, con differenti opportunità che sono però relative alla propria condizione economica quindi bisogna fare un conteggio per capire a chi spetta e quanto.

Bonus in busta paga: quali sono e quanto spetta

La prima novità è relativa allo sgravio dei contributi previdenziali, una parte di questi sono a carico del lavoratore, una parte invece del datore. In questo modo si ottiene una decontribuzione sulla fetta che risulta essere a carico del lavoratore e quindi, anche con lo stesso lordo, si ottiene un recupero del netto che diventa più alto. L’esonero è del 6% e in alcuni casi arriva anche al 7%, la minore trattenuta per lo Stato vuol dire uno stipendio più elevato per il lavoratore.

nuovi bonus in busta paga lavoratori
Bonus per i lavoratori in busta paga: ecco quali sono Terzoanello.com

Un altro beneficio riguarda il welfare aziendale quindi il beneficio aggiuntivo che viene erogato oltre lo stipendio. In questo caso è il Fringe Benefit a spiccare come intervento poiché si tratta di 2000 euro per nuclei con figli e 1000 euro per nuclei senza figli. Sono inclusi per il lavoratore vari tipi di beni da ciò che rientra nel classico come la quota per il carburante a elementi aggiuntivi come le spese di affitto, mutuo, utenze domestiche.

Per quanto riguarda i premi di produttività invece la notizia è che l’aliquota viene ridotta al 5%, quindi sui redditi aggiuntivi si pagheranno molte meno tasse e di conseguenza il netto sarà decisamente maggiore. Per la stabilità occupazione invece sono disposti i trattamenti integrativi speciali che riguarderanno il periodo fino al 30 giugno. il bonus è il 15% delle retribuzioni lorde e soprattutto non fa reddito.

Infine il bonus per le madri lavoratrici che comporta fino a dicembre 2026 uno sgravio contributivo. In questo caso le lavoratrici che hanno almeno due figli per il 2024 hanno l’esonero del 100% quindi un netto maggiore in busta paga. Per gli altri anni invece l’esonero al 100% viene garantito alle madri con tre figli. Questi benefici sono ottimali perché aumentano il netto in busta paga e offrono aggiunte importanti e sono anche cumulabili tra loro e con una tassazione specifica.

Impostazioni privacy